Quando una passione diventa professione: Licia Colò e il suo amore per gli animali

Scritto da   Lunedì, 13 Aprile 2015 16:00 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

Licia Colò è intervenuta su A Conti Fatti, trasmissione a cura di Economiacristiana.it, trasmessa dalle frequenze di Radio Vaticana Italia

 

Licia e gli animali: un binomio che appare inscindibile. Come è iniziata questa passione?
Sono nata in una famiglia che mi ha sempre tenuta a stretto contatto l’ambiente, la natura e gli animali, senza, però, parlare di amore ma di rispetto per gli animali.  Di conseguenza sono cresciuta cercando di tutelare chi non ha modo di difendersi, quindi ambiente e animali.
 
Secondo lei nel nostro Paese gli animali sono sufficientemente  tutelati? Quali sono gli aspetti carenti della normativa?
Nonostante negli ultimi anni siano stati fatti dei passi avanti in e gli stessi media si sono occupati maggiormente di queste problematiche, non credo che gli animali siano sufficientemente tutelati. Ci sono delle leggi che proteggono gli animali, ma sono poche le persone che poi le fanno rispettare. Bisogna avere il coraggio di denunciare,  di perdere il proprio tempo per dare voce a esseri che non si possono difendere. Quando ci si rende conto, però, che difficilmente queste cose hanno un seguito, è proprio in quel momento che viene fuori la carenza in Italia riguardo la tutela degli animali. Vorrei aggiungere che, quando parliamo di animali, dobbiamo includere anche quelli di cui ci nutriamo: quando parliamo di allevamenti ma anche di sperimentazione, io credo che siamo ancora molto lontani dal raggiungere un minimo rispetto nei confronti di esseri viventi.
 
Il suo programma Animali&Animali farà tappa al Villaggio per la Terra di Earth Day Italia, che cosa si farà in quell’occasione?
Per noi è importante esserci, anche per testimoniare l’interesse che ci deve essere nei confronti di una giornata così importante. L’Earth Day, infatti, è un modo per ricordare a tutti quanti che siamo parte di un equilibrio estremamente delicato che va protetto. All’interno del Villaggio, attraverso le nostre telecamere, racconteremo i tanti eventi che caratterizzeranno l’evento. Personalmente, inoltre, parlerò anche con i bambini. Credo, infatti, che l’informazione per i bambini all’interno delle scuole deve essere prioritaria per ogni Paese. Nelle scuole ci deve essere una materia legata alla tutela del creato, che ancora, però, non è presente.
 
I bambini sono sempre più sensibili alle tematiche legate al rispetto della natura. Quando però si interrompe questo rapporto?
A volte siamo noi genitori i responsabili di ciò, perché pensiamo che tematiche legate agli animali o alla natura siano proprio riservati solo ai ragazzi. Siamo noi, quindi, che facciamo smettere i nostri figli di sognare. Questo amore, queste passioni, molte volte si interrompono anche quando i ragazzi si scontrano con la realtà. Quando vedono le situazioni in Italia, o i propri genitori che non sono molto attenti a questi temi,  o il tempo che non viene dedicato a tutte le bellezze del creato, allora purtroppo i ragazzi si allontanano. Si è portati più a inseguire una realtà artificiale, perché nessuno ci insegna a vedere quella meravigliosa realtà che c’è sempre dietro l’angolo. 
 
Animali e Animali, non è solo un portale ma è anche una Onlus. Di che cosa si occupa?
La Onlus Animali e Animali è nata tanti anni fa,  quando ricevevo continuamente richieste di aiuto dai singoli cittadini. Ho iniziato scrivendo libri legati agli animali e alla natura, i cui proventi sono stati utilizzati per aiutare queste persone. Nel corso degli anni siamo riusciti ad aiutare tante persone anziane che volevano operare il proprio animale ma per motivi economici non potevano, oppure abbiamo dato cibo a rifugi, centri per cani e gatti. Noi tentiamo di stare vicino a tutte le persone che non hanno disponibilità economica per aiutare i loro gli animali.
Letto 878 volte

Informazioni aggiuntive