Il rapporto tra acqua e lavoro al centro della giornata mondiale dell'acqua 2016

Scritto da   Martedì, 22 Marzo 2016 10:00 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ogni 22 marzo si celebra la giornata mondiale dell'Acqua, per ricordare l'importanza di questo bene comune. Tanta è l'importanza che nell'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell'UNEP (United Nations for Environmental Protection), l'obiettivo n.6 si prefigge di garantire a tutti l'accesso all'acqua potabile e di assicurare una gestione sostenibile della risorsa idrica. Secondo dati Unicef, oggi sono 750 milioni che non hanno accesso all'acqua potabile.


“Better water, better jobs”, è il titolo dell'edizione di quest'anno, dedicata al ruolo centrale che l’acqua svolge nella creazione di posti di lavoro. Il messaggio centrale riguarda il fatto che se ci fossero una quantità e una qualità sufficiente dell'acqua, le condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori sarebbero migliori e fino a trasformare radicalmente società ed economie. Oggi, più della metà dei lavoratori di tutto il mondo lavora in settori correlati all'acqua e quasi tutti i lavori dipendono dall'acqua e da ciò che assicura la sua sicura distribuzione.


La Giornata Mondiale dell'Acqua è una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992. Il World Water Council, organismo non governativo internazionale creato nel 1996 come piattaforma degli organismi internazionali e specialisti nel settore dell’acqua(con uno status consultivo speciale loro attribuito da Unesco ed Ecosoc), organizza dal 1997 ogni tre anni tra le varie manifestazioni  un Forum dell’acqua Mondiale. Qui si controlla la situazione, con le segnalazione dei partecipanti e osservando i fatti avvenuti nel triennio passato: ciò mantiene altissimo il controllo delle problematiche e lo studio di eventuali soluzioni. All'incontro del 2012 a Marsiglia hanno preso parte oltre 140 delegazioni ministeriali e più di 180 paesi rappresentati, tra cui l'Italia. L'ultimo incontro dal tema "acqua e sviluppo sostenibile"è stato quello del 2015 a Daegu-Gyeongbuk in Corea del Sud.

Ogni 22 marzo si celebra la giornata mondiale dell'Acqua, per ricordare l'importanza di questo bene comune. Tanta è l'importanza che nell'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell'UNEP (United Nations for Environmental Protection), l'obiettivo n.6 si prefigge di garantire a tutti l'accesso all'acqua potabile e di assicurare una gestione sostenibile della risorsa idrica. Secondo dati Unicef, oggi sono 750 milioni che non hanno accesso all'acqua potabile.

“Better water, better jobs”, è il titolo dell'edizione di quest'anno, dedicata al ruolo centrale che l’acqua svolge nella creazione di posti di lavoro. Il messaggio centrale riguarda il fatto che se ci fossero una quantità e una qualità sufficiente dell'acqua, le condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori sarebbero migliori e fino a trasformare radicalmente società ed economie. Oggi, la metà dei lavoratori di tutto il mondo - 1 bilione e mezzo di persone - lavora in settori correlati all'acqua e quasi tutti i lavori dipendono dall'acqua e da ciò che assicura la sua sicura distribuzione.

La Giornata Mondiale dell'Acqua (in inglese: World Water Day) è una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992. Il World Water Council, organismo non governativo internazionale creato nel 1996 come piattaforma degli organismi internazionali e specialisti nel settore dell’acqua, con uno status consultivo speciale loro attribuito da Unesco ed Ecosoc, organizza dal 1997 tra le varie manifestazioni, ogni tre anni, un Forum dell’acqua Mondiale. Qui si controlla la situazione, con le segnalazione dei partecipanti e osservando i fatti avvenuti nel triennio passato: ciò mantiene altissimo il controllo delle problematiche e lo studio di eventuali soluzioni. All'incontro del 2012 a Marsiglia hanno preso parte oltre 140 delegazioni ministeriali e più di 180 paesi rappresentati, tra cui l'Italia. L'ultimo incontro dal tema "acqua e sviluppo sostenibile"è stato quello del 2015 a Daegu-Gyeongbuk in Corea del Sud.
Letto 685 volte

Informazioni aggiuntive