Marini lancia “il partito della gente”

Scritto da   Venerdì, 10 Ottobre 2014 16:52 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)
A Roma, nella Domus Pacis, questa mattina, è stato presentato il manifesto di un nuovo partito, in un evento intitolato “verso il partito della gente. Riprendiamoci l’Italia”. “Il partito della gente”, che fa delle famiglie, dell’impresa e della società i tre pilastri di questo nuovo soggetto politico che segnerà l’impegno politico di Sergio Marini, ex presidente di Coldiretti. 
 
L’obiettivo è quello di “costruire qualcosa che sta fuori da quel Parlamento, ha affermato Marini nel corso del suo intervento. “ È un’ operazione da Eroi ma dobbiamo farlo, se vogliamo bene al Paese. “La rassegnazione, ha proseguito Marino, anzi, la non disponibilità alla rassegnazione, mi mette qui a disposizione, per provare a fare qualcosa. Non mi rassegno al fatto che non ci può essere alternativa perché abbiamo già provato tutto”. “Bisogna sentire dentro la nostra coscienza la responsabilità di fare qualcosa”, ha infine concluso Marini.
 
Nel suo intervento l’ex numero uno di Coldiretti ha esplicitato gli obiettivi del nuovo soggetto politico: primo fra tutti concordare con l’Europa lo sbarramento del 3%. Lo scopo è quello di recuperare dieci miliardi l’anno per poter fare investimenti pubblici. Investire è la parola d’ordine, afferma Marini: investire su quelli che sono i punti forti del nostro Paese e cioè turismo, cultura, agroalimentare, Made in Italy. Ma soprattutto occorre investire sulla sicurezza del nostro Paese affinché si dica finalmente basta a tragedie come quella di Genova.
 
Ma per fare ciò, afferma Marini, bisogna attuare un cambiamento prima di tutto in noi stessi, ritrovando quella  “voglia di fare e non soltanto di apparire”. Tutto questo “recuperando quella dignità e quell’orgoglio che ci caratterizza come popolo”.  
Letto 923 volte

Informazioni aggiuntive