Per trovare lavoro sempre più social media

Scritto da   Giovedì, 14 Maggio 2015 16:37 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

Cresce il peso dei social media nella dinamica d'incontro tra domanda e offerta di lavoro, seppur il passaparola continui a tenere. Lo afferma una ricerca di Hays, società leader specializzata nella ricerca di profili di middle e top  management, che nel 'Salary Guide', che ha analizzato il mercato del lavoro.

A puntare sempre sul passaparola è il 69% del campione. Mentre il 56%  dei professionisti ritiene i social media una vetrina ideale per  mostrare, agli occhi di chi recluta, il proprio profilo e la propria expertise. In fondo. In fondo, oltre la metà delle aziende (57,1%) afferma di eseguire, in fase di selezione, uno screening dei profili social del candidato, per avere una visione più completa del professionista (95,2%) e per individuare possibili incongruenze nelle esperienze di lavoro dichiarate (21,2%). Tra i social media più utilizzati per scopi professionali, Linkedin si aggiudica il primo posto (100%), seguito da Facebook (32%) e Twitter (17%).

E dopo anni di incertezza e precarietà, il mercato del lavoro in Italia sembra risalire la china, come dimostra l'ottimismo delle aziende intervistate. Il 47% del campione, infatti, ha pianificato nuovi  ingressi per i prossimi mesi, focalizzandosi soprattutto su profili tecnici e di middle management (70%), professionisti con una breve esperienza professionale (39%), tirocinanti e apprendisti (48,1%). Il 33,3% delle aziende ha, inoltre, incrementato il budget destinato alle attività di ricerca e selezione, mentre il 46,5% ha riconfermato il livello d'investimento dello scorso anno.

Proprio l’informatica, il web sta assumendo un ruolo fondamentale per il rilancio dell’occupazione. Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti incontrerà il prossimo 26 maggio i presidenti di Inps, Istat e Inail per avviare un progetto di integrazione delle fonti informative sulla dinamica dei contratti di lavoro.

Letto 882 volte

Informazioni aggiuntive