Immigrati, il 21% versa contributi Inps a vuoto

Scritto da   Martedì, 29 Settembre 2015 16:55 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

Molti immigrati versano contributi previdenziali e non ricevono alcuna pensione. Lo ha detto il presidente dell’Inps Tito Boeri, presentando il rapporto "Worldwide" sulle pensioni all'estero. Per la precisione le persone con cittadinanza non italiana nate prima del 1949, con contribuzione Inps, che non hanno ricevuto né prestazioni previdenziali né rimborso della decontribuzione, sono 198.430 (su 927.448 pari al 21%). I contributi hanno un valore di oltre 3 miliardi di euro, un fenomeno in crescita.

Negli ultimi anni gli stranieri versano mediamente contributi annui tra i 7 e gli 8 miliardi. Per Boeri, "gli immigrati ci danno risorse importanti - ha sottolineato - Noi dreniamo risorse perché non eroghiamo prestazioni. E' un drenaggio documentato e le risorse potrebbero essere utilizzate per investire su politiche dell'integrazione degli immigrati".

Ma ci sono anche molti italiani che decidono di trasferirsi all’estero. Negli ultimi anni un numero sempre più crescente ha deciso di lasciare l'Italia e trasferirsi in Paesi in cui il costo della vita è più basso e il peso del fisco incide in misura inferiore sulle pensioni. L’Inps afferma che i pensionati espatriati negli ultimi cinque anni sono 16.420, di cui 5.345 nel solo 2014. Il numero annuo di pensionati che lasciano l'Italia è più che raddoppiato dal 2010 al 2014, con una brusca accelerazione nell'ultimo anno (+65%). L’istituto corrisponde all'estero circa 400.000 trattamenti pensionistici all'anno per un importo complessivo di oltre un miliardo di euro in più di centocinquanta Paesi.

Per l’Inps “la presenza di” suoi “pensionati  è concentrata  nelle aree continentali verso cui storicamente si sono indirizzati i  flussi migratori dal nostro Paese, quali Europa, America  settentrionale, America meridionale e Oceania, mentre in Asia, Africa  e America centrale risiedono solo poche migliaia di pensionati Inps”, Ma "i gruppi di aree presentano situazioni diversificate: in America settentrionale, America meridionale e  Oceania l'andamento del numero delle pensioni è in costante  diminuzione e l'età media è piuttosto elevata".
In Europa, prosegue, "dopo un periodo di calo, sembra avviata un'inversione di tendenza, in quanto nel 2014, rispetto all'anno  precedente, si è riscontrato un incremento del numero delle pensioni". "Inoltre, una larga parte (il 73%) dei pensionati all'estero fra i 60  e i 64 anni risiede proprio in Europa e, sempre in Europa, la  percentuale di pensionati con meno di 70 anni raggiunge il 30%"

Letto 765 volte

Informazioni aggiuntive