Torna l'incubo Ebola in Africa

Scritto da   Martedì, 22 Maggio 2018 10:50 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)
Foto: bhossfeld/pixabay.com
Il virus Ebola, da sempre considerato uno dei peggiori nemici dell'Africa, rischia una maggiore diffusione in Congo. A lanciare l'allarma su un rischio che è passato dall'essere "alto" all'essere "molto alto" è l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), secondo cui c’è anche un rischio "alto" che si diffonda nella regione, mentre prima era "moderato". Il caso confermato a Mbandaka, città situata a ovest del paese, vicino al confine con la Repubblica del Congo aumenta, secondo gli esperti, il rischio di diffusione nei paesi vicini.
Stando alle ultime statistiche - riportate dall'Osservatore Romano - sono 45 i casi, tra sospetti e confermati, con 25 morti. Nei giorni scrosi si è svolta una riunione del comitato di emergenza dell’Oms, che ha tra i suoi compiti anche quello di stabilire se l’epidemia è una emergenza internazionale di salute pubblica. Nel frattempo continua lo spiegamento di forze dell’Organizzazione e degli altri partner, che prevede anche il possibile utilizzo del vaccino con il sistema "ad anelli", per cui vengono vaccinati i contatti stretti dei casi confermati.
Dall’altro lato del Mediterraneo, la Commissione europea ha stilato un nuovo pacchetto di aiuti umanitari urgenti per aiutare il contenimento del focolaio di ebola. Queste dichiarazioni sono arrivate direttamente dalle parole del commissario Christos Stylianides, che è anche il coordinatore Ue per questa malattia. La prima misura è rappresentata dallo stanziamento di 1,5 milioni di euro per il supporto logistico alle operazioni dell’Oms. Altri centotrentamila euro saranno versati alla Croce rossa internazionale. L’Ordine di Malta, infine, ha voluto ricordare che l’epidemia di Ebola è "la punta dell’iceberg di una catastrofe umanitaria" nel paese, "passata in gran parte inosservata dalla comunità internazionale".
Foto: bhossfeld/pixabay.com
Letto 204 volte

Informazioni aggiuntive