Stampa questa pagina

Crisi Grecia: intervista all'arcivescovo cattolico di Atene Nikolaos Foskolos

Scritto da Luca Collodi Sabato, 11 Febbraio 2012 10:35 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il “governo greco ha tempo “entro l'Eurogruppo di mercoledì” per presentare le misure con cui chiudere il gap fiscale di 325 milioni di euro. Lo ha sottolineato il portavoce del commissario Ue agli affari economici e monetari, Olli Rehn, circa le misure di austerity richieste ad Atene dalla troika europea. Sulle prospettive dell’accordo raggiunto in Grecia – ma soprattutto sullo stato della popolazione messa a dura prova dalle misure di austerità del governo di Atene – Luca Collodi ha chiesto un commento a mons. Nikolaos Foskolos, arcivescovo cattolico di Atene:

R. – Le nuove misure toccano soprattutto la classe media, i più poveri, che sono chiamati a pagare le tasse, mentre i più ricchi non sono toccati. E la gente è proprio desolata ed esasperata. Qui, ad Atene, i negozi chiudono l’uno dopo l’altro…

D. – Questi sacrifici potranno dare nuova linfa alla Grecia?

R. – Non sono tanto ottimista, perché è tutto il meccanismo del governo greco che sta male. Qui si cerca di imporre un regime al quale la Grecia non era abituata. Purtroppo, aggiungo, poiché la Grecia avrebbe dovuto essere in regola già da parecchi anni. Inostri politici non ci hanno però detto la verità e la gente, dopo anni di euforia, si vede costretta a tornare indietro di quasi mezzo secolo.

D. – La comunità ortodossa, ma soprattutto la comunità cattolica, che cosa fanno per stare accanto alla popolazione?

R. – C’è un grande sforzo da parte della Chiesa ortodossa, la quale ha aperto molti centri mensa per i poveri, perché il numero dei poveri aumenta di giorno in giorno. La Chiesa cattolica continua a dare cibo a 500 adulti e ad oltre 80 fanciulli, ma le risorse diminuiscono e non so come potremo continuare…

D. – Per tornare all’accordo tra i partiti, pensa che questa situazione possa salvare definitivamente la Grecia, oppure, come sostengono alcuni analisti, il problema della Grecia è soltanto rinviato?

R. – Non risolve la situazione. C’è tutto il meccanismo dello Stato greco che dev’essere rivisto. Mentre la Grecia fa parte dell’Unione Europea, la mentalità è un po’ diversa da quella europea.

(Fonte: Radio Vaticana)

Letto 2715 volte