É stato presentato lo scorso 27 febbraio alla presenza del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e di quello della Camera dei Deputati Roberto Fico il rapporto ASviS “La Legge di Bilancio 2019 e lo Sviluppo Sostenibile”.
L’analisi, portata avanti dagli esperti dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, ha letto la recente manovra finanziaria con la lente dell’Agenda 2030 e dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile che le Nazioni Unite hanno fissato come mete da raggiungere per garantire alle future generazioni un pianeta più sano, un benessere diffuso e una società più equa e giusta. È stata inoltre l’occasione per descrivere il posizionamento attuale del nostro paese su questi Obiettivi.

Pubblicato in Attualità e Politica


Sul fronte rifiuti, l’ultimo rapporto ha evidenziato alcuni segnali positivi: il 2017 ha fatto registrare un - 1,7% di produzione di rifiuti urbani rispetto all’anno precedente, parliamo di 29,6 milioni di tonnellate.
Il 55% dei rifiuti urbani prodotto viene differenziato, anche se con profonde differenze tra il Nord del paese, che raggiunge una media del 66,2%, e il Sud che si attesta sul 41,9%, con tante regioni che fanno registrare progressi di oltre 6 punti percentuali rispetto all’anno precedente, segno di un percorso che da Nord a Sud ha positivamente coinvolto l’Italia intera.

Pubblicato in Ambiente

Tre anni fa a Parigi durante la ventunesima conferenza sul clima tutti i paesi del mondo si accordarono per contenere il riscaldamento globale possibilmente entro un grado e mezzo a fine secolo con la deadline fissata 2 gradi, superati i quali i cambiamenti climatici rischiano di diventare irreversibili.

Da allora altre due conferenze, Cop 22 a Marrakech e Cop 23 a Bonn hanno cercato di dare concretezza e attuazione a quell’importante accordo politico e pochi giorni fa si è chiusa un'altra conferenza molto importante la Cop 24 che si è tenuta in Polonia nella città di Katovice.
Era un appuntamento strategico e molto atteso che Roberta Cafarotti, responsabile scientifico di Earth Day Italia, commenta nello studio di “A Conti Fatti”, trasmissione a cura di Economia Cristiana trasmessa da Radio Vaticana Italia.

Pubblicato in Attualità e Politica

Il 25 novembre è la Giornata internazionale dedicata alla lotta contro la violenza sulle donne. Una giornata di ‘memoria’, una giornata in cui ‘fare il punto’ per capire come contrastare questa piaga tanto assurda quanto quotidiana. Una violenza ‘di genere’ che non trova le sue motivazioni nella vittima, quanto in un crudele gioco di ruoli in cui chi è fisicamente e/o socialmente più forte abusa del proprio potere. Ed è proprio in un’inconcepibile ‘legge del più forte’ che si trova l’origine di tutte le violenze presenti nel nostro Pianeta.


È per questo che per il 25 novembre, contro la violenza di genere, scende in campo anche Earth Day Italia. La nota organizzazione ambientalista - riferimento italiano della sede internazionale di Washington – lancia infatti la campagna di sensibilizzazione #4women4earth, strettamente legata all’Obiettivo 5 sulla parità di genere che l’ONU ha inserito nel 17 Goal da raggiungere entro il 2030.


“Quello della violenza di genere è un problema che ha radici culturali molto profonde” – dichiara Pierluigi Sassi, presidente di Earth Day Italia – “Evidentemente l’essere umano tende a sostituire il piacere che si prova nel custodire con cura la bellezza di una relazione e la ricchezza della natura con un compulsivo desiderio di possesso che finisce per distruggere ogni cosa. Non è un caso che la violenza sulle donne sia quasi sempre perpetrata dal partner o addirittura dai familiari. Anche con la Terra ci comportiamo in questo modo, dovremmo custodirla con amore, ma preferiamo pensarla come una nostra proprietà”.
“Riteniamo che la relazione tra il rispetto per la Terra e il rispetto per la donna sia molto stretta” – continua Sassi – “Sfruttamento sconsiderato delle risorse naturali e violenza sulle donne hanno la stessa radice: il desiderio di possesso che si sostituisce al piacere della cura. È per questo che per noi questa attenzione sulla violenza di genere assume un senso speciale che concretizzeremo con moltissime iniziative nel corso del prossimo Villaggio per la Terra, cui invitiamo a partecipare tutte le organizzazioni impegnate in questa difficile battaglia per unire le forze in una grande testimonianza”.


E sarà proprio la parità di genere uno fra i temi principali che saranno affrontati in occasione del prossimo Villaggio per la Terra, manifestazione a celebrazione della 49ma Giornata della Terra che avrà luogo a Roma dal 22 al 29 aprile 2019 e che, nella sua ultima edizione, ha raggiunto il record di oltre 150 mila visitatori e 170 milioni di contatti media con più di 600 eventi realizzati da circa 250 organizzazioni.

Fra queste, è stata la Rete dei Centri antiviolenza D.i.Re Donne in Rete contro la violenza che per prima ha voluto sostenere il progetto di Earth Day Italia #4women4earth.
Dichiara la presidente Lella Palladino: “Siamo davvero felici della proposta di Earth Day Italia di portare al Villaggio per la Terra il tema della violenza contro le donne, un fenomeno pervasivo che colpisce in forme diverse milioni di donne in Italia”.
“La violenza contro le donne – afferma la Palladino – ha un parallelo simbolico e pratico terribile nelle violazioni perpetrate quotidianamente contro la Terra attraverso l’inquinamento, la deforestazione, il consumo di suolo, espressione di una medesima cultura patriarcale che tratta gli esseri umani e la natura come proprietà di cui disporre illimitatamente”.
D.i.Re comprende 80 organizzazioni che gestiscono 85 centri antiviolenza e 55 case rifugio in 18 regioni. “D.i.Re lavora incessantemente per costruire società in cui la cultura del rispetto per le donne e i loro diritti possa permeare nel complesso lo sguardo e l’agire sul mondo, compresa la cura e protezione della natura e degli altri esseri viventi, siano animali o piante” conclude Lella Palladino.
Solo nel 2017 ben 20.137 donne si sono rivolte ai centri D.i.Re: il 56% di loro aveva subito violenze da parte del partner, il 20% da parte dell’ex e il 13% da familiari e amici. E, se nel 73% la violenza è psicologica, nel 62,1% è anche fisica, nel 13,5% è sessuale e nel 16,1% dei casi si tratta di stalking.


Oltre ad una rete che si occupa in modo specifico di violenza contro le donne, #4women4earth vede anche la partecipazione di testimonial provenienti dal mondo della cultura e dello sport, come racconta Giulia Morello, direttore artistico di Earth Day Italia: “La violenza di genere è innanzitutto una questione culturale e coinvolge la società nei suoi livelli più diversi. Per questo è fondamentale il sostegno dei testimonial provenienti dal mondo dello sport, della cultura e dello spettacolo per sostenere in prima persona questa sfida lanciata dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Siamo felici di avere tra i primi testimonial della campagna #4women4earth il poeta Gio Evan e la pluri-campionessa Valentina Vezzali”.

E sono proprio questi due personaggi ad esprimersi per primi su questo tema così doloroso.

“La terra
senza te
è solo rra
e la parola rra
da noi
non ha alcun significato”.
Gio Evan per la campagna #4women4earth

“Sin da piccola mi colpisce sempre sentir parlare di “Madre Terra” o di “Madre Natura”. Credo che siano termini che racchiudano realmente il senso di ogni cosa: la Terra e la Natura come “donne” e “madri” da cui tutti noi nasciamo e che “cullano” tutti noi.
Per quanto bella sia questa immagine di “madri” e di “donne” che ci hanno generato, tanto triste è la realtà che vede l’umanità recare loro “dolore” e sfregiare le nostre radici.
Apprezzo molto la scelta di Earth Day Italia di affiancare proprio al tema del rispetto di “Madre Terra”, anche quello della violenza di genere. Riflessioni che sono certa non saranno vane e che si inquadrano proprio nel rispetto della donna, anche in quanto madre. Proprio come “Madre Terra” e “Madre Natura”.
Valentina Vezzali per la campagna #4women4earth

La violenza devasta, distrugge, e troppo spesso non permette di ricrescere. La psiche violata di una donna che ha subito abusi, di qualsiasi genere, spesso conserva per sempre cicatrici del saccheggio della propria libertà, del proprio diritto di “essere” e di esprimersi. Ed è proprio in una cultura del rispetto dell’”altro da noi”, che sia un altro essere umano, un altro genere, un’altra specie, un'altra razza o più in generale tutto ciò che ci circonda,  appunto la natura, che si può trovare la linfa vitale per dare terreno fertile ad una vita dignitosa su questa Terra.

Pubblicato in Società

La scorsa settimana, dal 6 al 9 novembre, si è tenuta a Rimini la 22ma edizione di Ecomondo, manifestazione fieristica di riferimento in Italia e in Europa per il settore green economy e dell’economia circolare, economia basata sul risparmio e sul riuso delle risorse naturali in un processo in cui la parola “rifiuto” perde il suo senso tradizionale.
Punto focale dell’economia circolare è infatti il recupero dei materiali usati e degli scarti, per avviarli ad un processo di riciclo capace di generare nuova materia prima, pronta per essere nuovamente immessa nel ciclo produttivo.

Per fare un esempio l’olio vegetale esausto, l’olio di frittura che molti cittadini gettano negli scarichi di casa con grave danno per l’ambiente, correttamente raccolto e avviato al riciclo potrebbe costituire una preziosa risorsa.
In Italia ad occuparsi della raccolta e trattamento di oli e grassi vegetali ed animali esausti e il consorzio CONOE, il cui presidente, Tommaso Campanile, interviene all’interno di “A Conti Fatti”, rubrica a cura di Economia Cristiana trasmesso da Radio Vaticana Italia.

Pubblicato in Ambiente

 Quella del consumo di suolo è una questione sui cui intervenire sta diventando sempre più urgente. Secondo l’ultimo rapporto Ispra, infatti, anche nel 2017 il consumo di suolo ha fatto registrare numeri purtroppo molto importanti: ogni due ore nel nostro paese si costruisce su una superficie grande quanto Piazza Navona e i cantieri spesso non risparmiano nemmeno aree protette, a rischio idrogeologico o vincolate per la tutela del paesaggio. Ormai quasi l’8% del territorio nazionale è cementificato.

Pubblicato in Ambiente
Martedì, 02 Ottobre 2018 19:00

Da Roma a Katowice: in cammino per il clima

Il prossimo 4 ottobre da Piazza San Pietro a Roma partirà un pellegrinaggio a piedi guidato da Yeb Saño, ex diplomatico filippino molto attivo sul fronte della lotta i cambiamenti climatici.

Attraversando la via Francigena prima e il cosiddetto “cammino di Karol”, in onore di San Giovanni Paolo II, Il pellegrinaggio avrà come meta Katowice, città polacca che dal 3 al 14 dicembre prossimo, ospiterà la 24ma conferenza delle parti sui cambiamenti climatici.

Pubblicato in Ambiente

Con il concetto di Ecologia integrale, Papa Francesco ha mostrato come la questione ambientale sia indissolubilmente legata alla dimensione umana e sociale della vita.
La crisi climatica che il mondo sta vivendo minaccia la salute, mette a rischio la possibilità stessa di mangiare, causa migrazioni di massa e concorre allo scoppio di conflitti nelle aree più povere del pianeta.
In questo senso si può dire che il diritto a vivere in un ambiente sano è il primo e forse il più negato dei diritti umani.
Non è forse un caso allora che la Terza edizione del Festival dei diritti umani, in corso fino al 24 marzo alla Triennale di Milano, sia dedicata proprio all’ambiente e alla terra che, come recita il titolo della manifestazione, è “Una. Per tutti. Non per pochi”.
Ne parla su “A Conti Fatti”, rubrica a cura di economia cristiana trasmessa da Radio Vaticana Italia, Danilo De Biasio, direttore del festival.

Pubblicato in Società

Lo scorso 23, 24 e 25 ottobre i rappresentanti dei più grandi e importanti bacini idrici del mondo si sono riuniti a Roma nel summit internazionale Acqua e Clima. Un modo per scambiarsi esperienze e condividere obiettivi e idee in vista della COP 23 che si è aperta a Bonn il 6 novembre e cui sarà presentata la carta di Roma, il documento con le conclusioni del summit.

Su "A Conti Fatti", programma a cura di Economia Cristiana trasmesso da Radio Vaticana Italia, interviene  il coordinatore del summit, Walter Mazzitti, avvocato, esperto di questioni internazionali per la politica dell’acqua.

Pubblicato in Ambiente

Secondo l’ultimo rapporto Ispra l’Italia da  novembre 2015 a maggio 2016, ha consumato 3 metri quadrati al secondo di suolo, quasi 30 ettari al giorno, per un totale di 5 mila ettari di territorio.
Sebbene il consumo di suolo sia rallentato rispetto alle rilevazioni precedenti i numeri sono tuttavia impressionanti e portano l’istituto di ricerca a ipotizzare scenari poco rassicuranti per il 2050.
Su “A Conti Fatti”, rubrica a cura di Economia Cristiana trasmessa da Radio Vaticana Italia, interviene Michele Munafò, ricercatore Ispra, responsabile scientifico dei rapporti nazionali su consumo di suolo .

Pubblicato in Ambiente
Pagina 1 di 7

Informazioni aggiuntive