Economia

Economia (198)

Secondo gli ultimi dati comunicati dal Ministero del Lavoro, l'area Euro è tornata ai livelli occupazionali precedenti alla recente recessione economica ma l'Italia rimane indietro. Nel paese gli occupati sono circa 23 milioni, i disoccupati 3 milioni e gli inattivi oltre 13 milioni. Il tasso di occupazione è al 56%, ma quello femminile supera di poco il 48%. La disoccupazione è attestata al 12% circa.

Ne abbiamo parlato in "A Conti Fatti" rubrica di EconomiaCristiana.it trasmessa da Radio Vaticana, in occasione della Festa del Lavoro, interpellando Roberto Rossini, Presidente Nazionale delle ACLI Associazioni Cristiane del Lavoratori Italiani.

Nel mercato del lavoro il ruolo giocato dagli immigrati è sempre più importante, come ha evidenziato il rapporto “Migration Observatory’s Report: Immigrants’ integration in Europe”, uno studio condotto dal Centro Studi Luca d’Agliano e il Collegio Carlo Alberto dell’Università degli Studi di Torino.
Il curatore dello studio, Tommaso Frattini, docente di economia politica presso l’Università degli Studi di Milano, interviene su A Conti Fatti, rubrica a cura di economiacristiana.it trasmessa da Radio Vaticana Italia.

Domenica, 19 Marzo 2017 16:01

Rimettere l’uomo al centro dell’economia

Scritto da

Nella Laudato Si’ in diversi passaggi il Santo Padre parla di un’economia che metta al centro l’uomo.
Recentemente è stato presentato dal Global Forum on Law Justice and Development di Banca Mondiale il progetto Human Centered Business Model, che si potrebbe tradurre come un “Modello d’impresa centrato sull’essere umano”.
Intervenendo all’interno di “A Conti Fatti”, programma di economiacristiana.it trasmesso da Radio Vaticana Italia, ne parlano il responsabile del progetto, Marco Nicoli e Enrico De Maio, ex ambasciatore d’Italia in Kenya e Pakistan, esperto di politica e cooperazione internazionale.

Non sempre i problemi dei cittadini/consumatori sono legati a disservizi, truffe o mancanze di tutele. Capita che provvedimenti e agevolazioni che le autorità e le imprese riservano a certe categorie non vengano sfruttati a pieno, perdendo l'occasione per risparmi economici, anche ingenti. È il caso del "Bonus energia", lo sconto sulle bollette elettriche e del gas, cui avrebbero diritto circa 2 milioni di famiglie italiane in stato di bisogno, ma che, secondo i dati, viene richiesto soltanto da una minoranza.
Se ne è parlato con Guido Bortoni, presidente dell'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idricoin "A Conti Fatti", rubrica radiofonica trasmessa da Radio Vaticana 105.0.

Dino Scanavino, presidente della Cia – Confederazione Italiana Agricoltori – fa il punto sui danni subiti a causa del terremoto da agricoltori e allevatori intervenendo all’interno di “A Conti Fatti”, rubrica a cura di economiacristiana.it, trasmessa da Radio Vaticana Italia.

Lo sciame sismico che dallo scorso 24 agosto sta squassando il Centro Italia non accenna a fermarsi. Secondo un recente rapporto della protezione civile finora i danni provocati dall’intera sequenza sismica, tra edifici pubblici, privati, infrastrutture e molti altri aspetti ammontano a circa 23 miliardi e 530 milioni di euro.
Intervenendo su “A Conti Fatti”, Bruno Bucciarelli, presidente di Confindustria Marche, fa il punto della situazione per quanto riguarda il tessuto produttivo.

L'Unione Europea ha promosso e sottoscritto accordi globali, vincolanti anche per l'Italia, per la riduzione delle emissioni nocive, stabilendo obiettivi a medio e lungo termine per ridurre i consumi e convertire la produzione di energia dalle fonti fossili alle rinnovabili. Per fare un punto sul sistema energetico italiano, la trasmissione "A Conti Fatti", trasmessa da Radio Vaticana 105.0, ha ospitato Federico Testa, presidente dell'ENEA, l'agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia, e lo sviluppo economico sostenibile, che ha illustrato la situazione attuale e descritto le linee guida per attuare questi cambiamenti.

L’indice di disparità di genere del World Economic Forum colloca l'Italia al 50mo posto su 144 paesi analizzati. L’indice prende in considerazione i risultati relativi a quattro indicatori, la salute, l’istruzione, la presenza politica e la partecipazione socio economica.
Per quanto riguarda la partecipazione economica l’Italia occupa la 117esima posizione grazie all’89esima posizione per tasso di occupazione delle donne e alla 127esima per uguaglianza salariale.

Il patrimonio immobilare degli italiani è costituito da oltre 34 milioni di case, senza contare negozi e uffici; una ricchezza valutata in circa 5 miliardi, in un paese dove il 72% delle famiglie è proprietario dell'abitazione in cui vive (Fonte: www.assoimmobiliare.it).

Domenica, 08 Gennaio 2017 16:00

La sharing economy alla prova del sistema Italia

Scritto da

Letteralmente potremmo tradurla come “economia della condivisione”,  si basa sullo scambio e, appunto, la condivisione di beni materiali, servizi o conoscenze ed è un settore dove la sperimentazione, la creatività e l’innovazione la fanno da padroni.
Da fenomeno di nicchia la sharing economy sta crescendo progressivamente, anche se in Italia lo fa a ritmi più lenti rispetto ad altri paesi.

Ivana Pais, docente di sociologia economica presso l’Università del Sacro Cuore di Milano e organizzatrice di Sharitaly, il principale evento sul tema della sharing economy che viene organizzato nel nostro Paese, ne ha parlato intervenendo su “A Conti Fatti”, programma a cura di economiacristiana.it, trasmesso da Radio Vaticana Italia.

Pagina 1 di 15

Informazioni aggiuntive