Orazio Viele (Engineering): una volta sostenibilità per un'impresa era sinonimo di profitto. Oggi fortunatamente non è più solo questo

Scritto da   Domenica, 05 Luglio 2015 16:00 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

Orazio Viele, Direttore Generale Tecnica, Ricerca e Innovazione del Gruppo Engineering, è stato intervistato in occasione della prima edizione del premio "Reporter per la Terra" che Earth Day Italia ed Engineering hanno organizzato con il sostegno del Ministero dell'Ambiente.

L'intervento è stato trasmesso all'interno di "A Conti Fatti", trasmissione a cura della redazione di economiacristiana.it e trasmessa da Radio Vaticana Italia

Perché Engineering ha sostenuto il premio “Reporter per la Terra”?
Perché per noi le tematiche della sostenibilità e soprattutto dell'impatto ambientale sono tematiche fondamentali; noi oggi svolgiamo un ruolo importante , siamo un'azienda di 7.500 persone che lavora in uno dei settori trainanti del Paese che è quello della produzione del software e oggi sappiamo bene che il software è di fatto pervasivo in tutte le attività umane.

Per questo motivo le tematiche dell'ambiente della sostenibilità delle nostre azioni, in generale, sono sicuramente al primo posto degli interessi di un'azienda come la nostra; ci poniamo il problema  sia nel rapporto con i nostri dipendenti, ma soprattutto in quello che facciamo per la società.


Cosa vuol dire oggi sostenibilità?
Fino a qualche anno fa il termine sostenibilità associato all'impresa significava profitto, sostanzialmente. La sostenibilità ambientale veniva validata soltanto dal profitto che un'azienda faceva.
Da molti anni questo per fortuna è cambiato, si valuta anche l'impatto che le azioni di un'azienda hanno sulla società e quindi quanto è sostenibile il lavoro che si fa
Per noi è fondamentale essere ancora ai primi posti, non solo per le attività che facciamo e quindi per il profitto che deriva dall'attività diretta che facciamo, ma soprattutto anche perché lavorando nei sistemi critici per il paese come la sanità, la pubblica amministrazione, l'energia, ci dobbiamo porre come primo obiettivo che le azioni che noi facciamo abbiano risultati anche dal lato della sostenibilità ambientale.

Qual è il ruolo dell'informatica nel migliorare la vita delle persone in maniera sostenibile?
Direi che oggi è lo strumento fondamentale per migliorare la qualità della vita delle persone. Attraverso l'informatica, banalmente, il rapporto cittadino amministrazione è stato migliorato moltissimo: oggi noi non facciamo più code agli sportelli, o meglio riusciamo a ridurre le code agli sportelli, abbiamo informazioni più puntuali e dettagliate utilizzando l'informatica, ma ancor di più, in alcuni ambiti che sembrano essere lontani dall'utilizzo del software come quello dell'erogazione dell'energia, del consumo intelligente il software è di fatto l'asse portante, la componente fondamentale.
Solo attraverso l'utilizzo delle infrastrutture tecnologiche è possibile migliorare la qualità della vita delle persone, utilizzando al meglio le risorse che ci sono.


Engineering partecipa al programma Horizon 2020. In che modo?
Noi da anni partecipiamo a tutti i framework program europei, nell'ambito IT. I framework program, sono programmi di lungo periodo in cui vengono indicate delle linee direttrici su cui le aziende devono investire.
Siamo la prima azienda italiana come capacità di acquisizione di finanziamento su questi programmi, abbiamo avviato adesso l'attività nel programma Horizon 2020, in cui lavoreremo proprio nel filone dell'energia e nel filone dell'health care quindi la salute delle persone. Abbiamo già in progresso diversi progetti.

Letto 1853 volte

Informazioni aggiuntive