Da domani arriva il Rei per 500 famiglie

Scritto da   Giovedì, 30 Novembre 2017 19:17 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)
Foto: © anaterate/pixabay
Da domani, 1° dicembre, sarà possibile fare domanda per il "Reddito di inclusione". Il Rei che oggi ha un valore complessivo di 1,7 miliardi di euro - spiega il quotidiano La Stampa - è un beneficio che inizialmente riguarderà le famiglie con minori, disabili, donne in gravidanza a quattro mesi dal parto e gli over 55 disoccupati. La misura riguarderà per ora 500 mila famiglie per un totale di 1,8 milioni di persone e avrà un tetto di 485 euro al mese – 5 mila e 800 l’anno – nel caso di famiglie in difficoltà con almeno cinque componenti (solo 187,5 euro invece per una persona sola).
La misura viene riconosciuta a nuclei con un Isee non superiore a 6 mila euro e un valore patrimoniale (diverso però dall’abitazione) non superiore ai 20 mila euro. È inoltre necessario risiedere in via continuativa in Italia da almeno due anni, e possono richiederlo cittadini europei o extra Ue con permesso di lungo soggiorno. Le domande potranno essere presentate da inizio dicembre ai Comuni, che invieranno le informazioni all’Inps entro 15 giorni. Una volta controllati i requisiti, l’istituto di previdenza potrà o meno riconoscere il diritto al reddito.
Il reddito di inclusione, inoltre, può durare al massimo 18 mesi ed è necessario che trascorrano almeno sei mesi dall’ultima erogazione prima di poterlo chiedere per una seconda volta. Chi avrà diritto al beneficio riceverà - spiega ancora La Stampa - una carta di pagamento delle Poste – la Carta Rei – simile ad una prepagata su cui viene caricata l’ intera somma. Potrà essere usata anche per fare prelievi in contante, ma solo per la metà dell’ importo: una novità quest’ ultima, visto che finora era previsto l’ uso solo per acquisti in supermercati o farmacie.
Non sarà però assistenzialismo. Infatti è stato introdotto per i beneficiari l’obbligo di seguire dei progetti personalizzati, per superare la condizioni di povertà e tentare di reinserire nella società e nel mondo del lavoro i più poveri. Inoltre, il beneficio verrà dimezzato o anche sospeso se i componenti della famiglia sostenuta dal Rei non si presentano alle convocazioni nei Comuni di residenza.
Foto: © anaterate/pixabay
Letto 21 volte

Informazioni aggiuntive