Tra i conflitti più sanguinosi e meno noti in occidente ce n'è uno che sconvolge la Repubblica Democratica del Congo, dove la popolazione convive da anni con gli scontri tra le diverse milizie armate e il governo centrale per il controllo di ampie zone di territorio. Il Congo è un paese ricchissimo di materie prime, preziose sia per l'industria tradizionale, come diamanti, rame, zinco e pertrolio, sia per la nuova industria della tecnologia, come il coltan, minerale indispensabile alla fabbricazione dei telefoni cellulari. Il 30 giugno a Roma la comunità africana ha organizzato una manifestazione di piazza per portare alla luce questa situazione.

Ne abbiamo parlato con Suzanne Mbiye Diku, promotrice della manifestazione, presidente della Rete della Diaspora Africana Nera in Italia (REDANI) e dell'associazione di donne congolesi Tam Tam d'Afrique.

Pubblicato in Economia

Informazioni aggiuntive