Le città ospitano circa la metà della popolazione mondiale e secondo le stime nel 2050 a vivere negli ambienti urbani saranno due terzi degli abitanti di questo pianeta.
Per questo lo sviluppo sostenibile passa necessariamente dalle nostre città e dal miglioramento della qualità della vita urbana come ricordato nell’Agenda 2030, nella Carta di Bologna, nel nuovo Patto dei sindaci.“Dove vanno le città, va il pianeta”, dice l’architetto William McDonough per farci capire che se saranno progettate in modo da essere più sostenibili nel prelievo delle risorse naturali, le aree urbane potranno migliorare sia il pianeta sia la vita delle persone.

Pubblicato in Ambiente

Tra i temi più caldi e importanti dell’Agenda 2030 c’è sicuramente quello del cambiamento climatico che rischia, se non contrastato con decisione, di stravolgere intere aree del pianeta.
È necessario ridurre più che drasticamente le emissioni di CO2 nell’atmosfera e questo comporta l’abbandono dei combustibili fossili e la decarbonizzazione dell’economia.
Su questi argomenti il Governo ha recentemente presentato in Europa il Piano Nazionale Energia e Clima che coinvolgerà importanti comparti del nostro sistema produttivo, non solo quello energetico. Alcuni settori industriali dovranno necessariamente ridefinirsi e riarrestarsi. Questo processo può essere un problema, ma anche una grandissima opportunità per il paese, se sapremo prepararci.

Pubblicato in Economia

Per ridurre le emissioni di CO2 e degli altri gas climalteranti nell’atmosfera occorrerà da una parte cambiare rapidamente il nostro modo di produrre energia, eliminando i combustibili fossili per fonti energetiche pulite e rinnovabili.
Dall’altra parte è però anche indispensabile ridurre la nostra domanda di energia e questo vuol dire rendere più efficienti il settore industriale, quello dei trasporti e quello agricolo, ma anche tutti i gli edifici che in moltissimi casi potrebbero, anche con interventi contenuti, diventare molto più efficienti per un risparmio che non risulterebbe “solo” nel conto delle emissioni di CO2, ma anche nelle bollette del gas e dell’energia elettrica.

Pubblicato in Ambiente

Secondo uno studio condotto dall'Osservatorio Autopromotec l’italia è il paese europeo con il tasso di motorizzazione più alto con ben 62,4 auto ogni 100 abitanti. Le auto in circolazione sono moltissime, troppe, e il risultato è che l’aria delle nostre città, in particolare le più grandi, è irrespirabile.
Il settore dei trasporti, che concorre in maniera importante sulle emissioni di gas serra del nostro paese è chiamato ad una transizione energetica per risultare meno impattante sia sul clima che sul nostro apparato respiratorio.

Pubblicato in Ambiente


La mobilità condivisa è in costante evoluzione nel nostro paese e servizi come il car sharing e il car pooling, si stanno crescendo rapidamente, come ha evidenziato anche il Primo Rapporto Nazionale sulla sharing mobility che l’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility ha presentato a fine Novembre.
Raimondo Orsini, direttore della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, ha presentato il rapporto intervenendo su “A Conti Fatti”, trasmissione a cura di economiacristiana.it trasmessa da Radio Vaticana Italia.

Pubblicato in Ambiente

Sviluppare una mobilità sostenibile e accessibile a tutti è essenziale per migliorare la vita di ogni persona, non solo di coloro che vengono chiamati “disabili” o “persone con mobilità ridotta”. La Federazione Italiana Abbattimento Barriere Architettoniche(FIABA) e l'Unione Romana Ingegneri e Architetti (URIA) seguono questo credo e per questo hanno promosso il convegno “Trasporti – accessibilità, progettazione, tecnologia”, svoltosi il 27 novembre 2013 presso la Sala del Tempio di Adriano della Camera di Commercio di Roma.

Pubblicato in Buone Pratiche

Il presidente di NTV, Antonello Perricone, è stato chiaro sulla necessità di un autorità di controllo della concorrenza per quanto riguarda il settore dei trasporti: " Credo che sia improrogabile la necessità di definire una autorità super partes che possa regolare il traffico di questo mercato in concorrenza."

Pubblicato in Attualità e Politica

Informazioni aggiuntive