Un goal per l’integrazione

Scritto da   Domenica, 30 Marzo 2014 16:00 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il valore dello sport come strumento di inclusione sociale, come momento per porre in contatto culture differenti e imparare in questo modo le regole della convivenza. Tanti sono i progetti promossi a riguardo, in modo particolare verso i minori: uno di questi è “Nessuno Fuorigioco” il cui cuore pulsante è rappresentato da due squadre di calcio molto particolari: una maschile, composta da ragazzi rom, e una femminile mista formata da italiane e rom. Le due squadre, le New Team, militano nella lega UISP Ciriè – Settimo – Chivasso, in provincia di Torino. Ci ha parlato del progetto Timothy Donato, Presidente dell’Associazione Nessuno Fuorigioco e allenatore delle due squadre, intervenuto su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana

 

Ci può raccontare quando è nato questo progetto e a chi si rivolge?

Il progetto è nato quasi tre anni fa e si rivolge a tutti i ragazzi di Torino, con un occhio di riguardo verso coloro che vivono in situazioni di fragilità. In particolar modo è indirizzato ai minori Rom che vivono nei campi a nord di Torino a cui di fatto le Federazioni sportive impediscono il diritto allo sport perché sprovvisti di una residenza.
 

Mentre la squadra maschile è composta da soli Rom, nella femminile ci sono 4 italiane e 4 romene rom. Come è stata la convivenza iniziale? E soprattutto come mai non si riesce a creare una squadra mista anche per i ragazzi?

Le difficoltà riguardo la squadra maschile sono legate a tanti aspetti tra cui il fatto che molti ragazzi della loro età già giocano in altre squadre ed è quindi difficile reperire forze nuove. Per quanto riguarda le ragazze, invece, l'esperienza è stata, e continua ad essere, molto bella: la convivenza è ottima e ci si trova bene sia sul campo che fuori.
 

Ci può fare un bilancio di questi primi tre anni di attività? L’obiettivo di creare integrazione si sta raggiungendo? E quanto c’è ancora da fare?

Il bilancio è assolutamente positivo: abbiamo raddoppiato il numero dei minori coinvolti, offrendo loro esperienze che altrimenti difficilmente avrebbero potuto vivere; abbiamo offerto loro percorsi di crescita continuativi nel tempo. Inoltre molte persone tifano per noi e questo credo sia in assoluto il risultato migliore che abbiamo ottenuto. L'integrazione in realtà non è l’obiettivo specifico del progetto: lo scopo reale è quello della coesione sociale, che nel concreto vuol dire provare ad essere squadra, capire che se si è squadra forse qualcosa si vince. Occorre mettersi in gioco e lavorare per la comunità e in questo senso penso che stiamo facendo un buon lavoro.
 

Lei cosa pensa dello ius soli sportivo che da qualche mese è stato adottato anche dalla Federazione Pugilistica?

Penso che sia ormai necessario: bisogna rendersi conto che il mondo sta cambiando e lo sport può essere assolutamente uno strumento di integrazione. 

 

Letto 1192 volte

Informazioni aggiuntive