Gli stranieri in Italia come gli Italiani all'estero

Scritto da   Domenica, 01 Novembre 2015 15:00 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)
Gli stranieri in Italia come gli Italiani all'estero

Sono oltre 5 milioni di stranieri presenti in Italia, ma altrettanti sono gli italiani residenti all'estero. Questo uno dei dati significativi del Dossier Statistico Immigrazione 2015 che come di consueto sfata alcuni miti mediatici sul fenomeno migratorio nel nostro Paese.

Il rapporto è stato Presentato il 29 Ottobre a Roma  presso  il  Teatro Orione ed è stato  redatto  dal Centro  Studi e Ricerche  IDOS, in  partenariato  con  la rivista  interreligiosa Confronti, in collaborazione  con  l’Ufficio  Nazionale  Antidiscriminazioni Razziali(UNAR), col sostegno dei fondi dell’Otto per mille della Chiesa Valdese -Unione delle chiese  metodiste  e  valdesi.

"I migranti forzati nel mondo sono passati in un anno da 52 a 60 milioni.-evidenzia Ugo Melchionda, presidente del Centro studi e ricerche IDOS - Nei primi nove mesi del 2015 il numero dei rifugiati e migranti che hanno attraversato il Mediterraneo per raggiungere l’Europa ha superato le 460mila unità, mentre l’anno scorso erano stati 219mila. Ma l’Italia non è sicuramente tra i paesi che hanno accolto più profughi".

Secondo le stime di IDOS, la presenza straniera regolare ammonta complessivamente a 5.421.000 persone e anche quella degli Italiani all'estero supera di poco i 5 milioni. Questo si unisce ad un fenomeno che potrebbe amplificare la percezione di "invasione" straniera: nel 2014 sono di più gli italiani che hanno deciso di risiedere all'estero(+155.000, secondo l'Aire) rispetto agli stranieri che hanno deciso di stabilirsi in Italia (+92.000 da dati Istat).

Un'altro dato signicativo che contribuirà a cambiare il volto del nostro paese, sono le nascite e i minori che entrano nel processo di scolarizzazione. Infatti, a fronte di 502.596 bambini nati nel 2014 il 14,9%(75.067) hanno genitori entrambi stranieri; su 1,1 milioni di minori stranieri, poi, sono ben 814.187 gli iscritti a scuola nell'anno scolastico 2014/2015 con una media di incidenza in tutto il paese del 9,2% sul totale degli iscritti, che cresce al Nord e al Centro.

Dal punto di vista occupazionale, gli stranieri sono più di un decimo degli occupati complessivi, 2.294.000(10.3%). Una categoria, quella dei lavoratori stranieri, che ha sofferto dal 2008 maggiormente la crisi, tanto che oggi sono 466.000 i disoccupati, con un tasso di occupazione del 58,5%(55,4% gli Italiani) ed un tasso di disoccupazione del 16,9%(12,2% gli Italiani). Questo ha anche portato ad un aumento del 6,2% dei permessi di soggiorno che non sono stati rinnovati, obbligando chi è stato colpito dalla crisi a lasciare l'Italia. Nonostante il calo, il Dossier stima che le entrate previdenziali ricollegabili ai lavoratori immigrati per il 2013, in rapporto alle spese sostenute verso di loro, porti ad un saldo positivo di 3,1 miliardi di euro, portando beneficio alle casse dell'Inps.

Un rapporto come sempre dettagliato, capace di andare a fondo a tante tematiche, sfatando i miti e le ideologie che possono dividerci dalla realtà e soprattutto dallo straniero, spesso oggi additato come nemico, ma che, invece, oggi risulta più che necessario e parte integrante della nostra società.

Letto 687 volte

Informazioni aggiuntive