Nel 1987, da un'idea della pedagogista italiana Sofia Corradi, venne istituito l'Erasmus: il programma europeo di scambio di studenti universitari. Quest'anno si festeggia dunque il trentennale di quest'istituzione che ha incarnato più di altre lo spirito e l'essenza stessa dell'Unione Europea. Per tre decenni l'Erasmus ha permesso a milioni di studenti di trascorrere un periodo di formazione all'estero senza interrompere il corso degli studi universitari, contribuendo così alla nascita di generazioni di cittadini realmente "europei". La ricorrenza verrà celebrata il 22 aprile al Villaggio per la Terra di Villa Borghese a Roma, con una serie di eventi di cui ci parla Simone Acquaviva, presidente di Erasmus Student Network Italia.

Pubblicato in Intercultura

Nel 2017 il programma Erasmus festeggerà i suoi 30 anni di vita.  
Lo scorso fine settimana con l’incontro culturale “Erasmus: awakening wanderlust sine 1987” gli studenti stranieri che attualmente studiano nel nostro Paese grazie al programma di mobilità studentesca dell’UE sono stati accolti a Roma.Con l’occasione è stato tracciato un primo bilancio dei risultati raggiunti dal programma che in questi hanni ha contribuito a formare i primi cittadini europei.
“A Conti Fatti”, trasmissione a cura di economiacristiana.it trasmessa da Radio Vaticana Italia, ha affrontato l’argomento con Valentina Presa, Presidente Erasmus Student Network Italia.

Pubblicato in Società

Nel 1987 nasceva l’Erasmus, il programma di mobilità studentesca dell'Unione europea che da la possibilità agli studenti di effettuare in una università straniera un periodo di studio legalmente riconosciuto dal proprio ateneo. La storia di questo programma parte però da più lontano, dalla tenacia di Sofia Corradi che da giovane studentessa capì l’importanza di un’esperienza di studio all’estero nella formazione di un giovane.
“Mamma Erasmus”, come è stata affettuosamente sopranominata, ha raccontato la nascita dell’Erasmus intervenendo su “A Conti Fatti”.

Pubblicato in Buone Pratiche

Informazioni aggiuntive