Stefania Galli

Stefania Galli

Il clima sta cambiando: le temperature aumentano, i regimi delle precipitazioni si modificano, gli eventi meteo straordinari sono sempre più frequenti, i ghiacciai e la neve si sciolgono e il livello medio globale del mare è in aumento. E tutto ciò è sotto gli occhi di tutti.
Agricoltura familiare: nutrire il mondo, preservare il pianeta è il tema di questa Giornata Mondiale dell’Alimentazione. Celebrata come ogni anno Il 16 ottobre dall'Organizzazione delle Nazioni Unite, l’evento punta i riflettori sul problema della fame e della malnutrizione nel mondo.
Una fotografia molto dettagliata della fame nel mondo e dell’insicurezza alimentare, ha dato il via ieri a Napoli alla prima giornata di incontri del XI Forum Internazionale dell’Informazione per la Salvaguardia della Natura organizzata dall'Associazione Greenaccord.
Sfamare il mondo. Alimentazione, agricoltura e ambiente: è questo il sottotitolo del XI Forum Internazionale dell’Informazione per la Salvaguardia della Natura, organizzato dall’Associazione di giornalismo ambientale Greenaccord Onlus in collaborazione con il Comune di Napoli.
In un momento come questo in cui il tema dei cambiamenti climatici è sempre più dibattuto a causa dei disastri ambientali a cui stiamo assistendo, è di fondamentale importanza sensibilizzare l’opinione pubblica su queste tematiche. È proprio con questo spirito che nasce l’evento di Marevivo “Nuova energia dell’arte”: per l’intera giornata disabato 4 ottobre, grazie all’alternanza di eventi dedicati alla scienza ma anche all’arte e alla cultura, Capri si trasforma in comunità dell’energia e laboratorio della sostenibilità.
L’inquinamento delle nostre città è causato per una fetta importante dal riscaldamento delle nostre abitazioni. Per sopperire a questo problema si è sviluppata quella che viene definita Casa Passiva, un abitazione ad altissima prestazione energetica e che non necessita di un classico sistema di riscaldamento per il benessere termico. Nel nostro Paese, quello delle case passive è un fenomeno relativamente nuovo ma che sta prendendo sempre più piede.
La green economy ha tutti i numeri per essere parte propulsiva dell’economia italiana. A dimostrazione di ciò “dall’inizio della crisi, nonostante la necessità di stringere i cordoni della borsa, più di un’impresa su cinque ha scommesso sulla green economy”. Ad affermarlo il Rapporto Greenitaly 2013, nutrire il futuro, il rapporto annuale di Unioncamere e Fondazione Symbola presentato questa mattina a Milano presso la sede di Expo 2015.
Di ben 1.558 aziende confiscate alle mafie, oltre 90 erano attive in ambito agricolo; dei 10.563 beni confiscati, ben 2.500 erano terreni con destinazione agricola. Inoltre dalle 38.696 ispezioni fatte dai carabinieri del Nas sono state accertate 22.206 infrazioni (+8%) sempre in ambito agricolo. Le regioni con il più alto numero di reati riguardanti il settore agricolo sono Lazio e Campania rispettivamente con 2.091 e 2.011 reati.
L’Italia si conferma primo Paese per numero di riconoscimenti Dop, Igp e Stg conferiti dall'Unione Europea: sono ben 248 i prodotti di qualità riconosciuti al 31 dicembre 2012, ben nove in più rispetto al 31 dicembre 2011. Di questi, 243 risultano attivi.
Dove trovare prodotti biologici tipici della propria terra, coltivati secondo regole che premiano la produzione locale in modo ecocompatibile e senza l’utilizzo di pesticidi? Se siete della provincia di Milano potete fare una visita a Parabiago, dove questa mattina è stato inaugurato il nuovo mercato biologico Piacere Terra che, come si legge nella nota, si pone l’obiettivo di «offrire ad una più vasta clientela eccellenze del territorio e prodotti alimentari convenienti, biologici e da agricoltura integrata, sempre con la massima attenzione all’aspetto nutrizionale e alla sostenibilità dell’intero assortimento».
Pagina 1 di 11

Informazioni aggiuntive