Intercultura

Intercultura (112)

Domenica, 30 Marzo 2014 16:00

Un goal per l’integrazione

Scritto da

Il valore dello sport come strumento di inclusione sociale, come momento per porre in contatto culture differenti e imparare in questo modo le regole della convivenza. Tanti sono i progetti promossi a riguardo, in modo particolare verso i minori: uno di questi è “Nessuno Fuorigioco” il cui cuore pulsante è rappresentato da due squadre di calcio molto particolari: una maschile, composta da ragazzi rom, e una femminile mista formata da italiane e rom. Le due squadre, le New Team, militano nella lega UISP Ciriè – Settimo – Chivasso, in provincia di Torino. Ci ha parlato del progetto Timothy Donato, Presidente dell’Associazione Nessuno Fuorigioco e allenatore delle due squadre, intervenuto su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana

Domenica, 23 Marzo 2014 16:00

La lingua come ponte fra cultura e identità

Scritto da

La conoscenza linguistica è il primo strumento per misurare l’integrazione. Insegnare l’italiano ad uno straniero è una grande responsabilità fatta di competenze particolari che rendono il docente un mediatore culturale, un ponte tra culture differenti. Ne abbiamo parlato con la Professoressa Pierangela Diadori Professore Associato in Didattica delle Lingue Moderne e Direttrice del Centro DITALS (Certificazione di Competenza in Didattica dell'Italiano per Stranieri) dell’Università per Stranieri di Siena intervenuta su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana

Domenica, 16 Marzo 2014 16:00

Italiani e migranti, tra paure e aperture

Scritto da

Secondo il 44% degli intervistati, gli stranieri sono una risorsa preziosa per la nostra economia. L'80% è, invece, favorevole a concedere la cittadinanza ai loro figli. Ma uno su tre li ritiene un "pericolo per l'ordine pubblico: è questo l’atteggiamento ambivalente, fatto di aperture e timori, degli italiani nei confronti dell’immigrato, fotografato dal settimo rapporto dell'Osservatorio europeo sulla sicurezza, realizzato da Demos&Pi e Osservatorio di Pavia per Fondazione Unipolis. Ne abbiamo parlato con Fabio Bordignon responsabile ricerca Demos&Pi intervenuto su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana

Con l’obiettivo di migliorare le condizioni di accoglienza degli immigrati ma soprattutto di armonizzare in tutti i paesi dell’Unione Europea tutte quelle procedure che vanno dalla identificazione all’assistenza sanitaria fino all’accessibilità al mercato del lavoro, lo scorso 26 giugno è stata approvata la normativa europea sull’accoglienza. Ne abbiamo parlato con Gianfranco Schiavone, giurista e membro dell’ASGI, associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, intervenuto su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana

Ivan Vitali, direttore generale dell’associazione ConVoi onlus, è intervenuto su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana

 

Dal 31 gennaio al 2 febbraio sull’Isola di Lampedusa si sono ritrovate associazioni, organizzazioni e singoli individui, guidati da Progetto Melting Pot Europa, per discutere sulle principali questioni inerenti l’immigrazione e per redigere una nuova mappa dei diritti degli immigrati. Dall’incontro è nata la Carta di Lampedusa. Ne abbiamo parlato con Nicola Grigion Responsabile del Progetto Melting Pot Europa e coordinatore di questa iniziativa intervenuto su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana 

 

Sono oltre mezzo milione nel nostre Paese, la comunità di immigrati non comunitari più numerosa: parliamo dei marocchini. Presenti in modo particolare nelle regioni del nord, la loro immigrazione nel Bel Paese ha inizio negli anni 70 ed è diventa più consistente negli anni 80 e nei due decenni successivi, dando vita ad un insediamento stabile e in continuo aumento. Nonostante siano stati in passato vittime di comportamenti razzisti, forte è il loro desiderio di integrarsi nel nostro Paese e di mettere solide radici. Lo dimostra anche il fatto che, nel 2011, sono stati quasi 15mila i nuovi nati di questa comunità. Il centro Studi Idos ha cercato di analizzare il volto poco conosciuto di questa comunità attraverso la ricerca “La comunità marocchina in Italia. Un ponte sul Mediterraneo”. Ne abbiamo parlato con Antonio Ricci del centro studi Idos intervenuto su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana

Domenica, 09 Febbraio 2014 16:00

Migrazioni in Italia: un futuro incerto

Scritto da

Da paese di migrazione, l’Italia è diventata la meta principale dei più importanti flussi di immigranti. Ma la crisi in cui versiamo ha aperto una terza fase: si stanno riducendo, infatti, gli arrivi di questo flusso enorme di persone e parallelamente stanno aumentando le partenze dei nostri connazionali verso l’estero. Ad affermarlo Corrado Bonifazi, ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche, nel suo libro “L’Italia delle migrazioni”. Abbiamo approfondito l’argomento con l’autore stesso intervenuto su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana

Carla Collicelli, vice direttore del Censis, è intervenuta su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana

Rita Cutini, Assessore alle politiche sociali del comune di Roma, è intervenuta su "A Conti Fatti", programma realizzato dalla redazione di economiacristiana.it e trasmesso dal canale italiano della Radio Vaticana

Informazioni aggiuntive