Stampa questa pagina

Morcellini: il giornalismo ambientale cambi target di comunicazione per attivare cambiamento

Scritto da  

Mario Morcellini, Pro Rettore alle Comunicazioni istituzionali dell'Università "La Sapienza" di Roma è intervenuto alla premiazione di  "Reporter per la Terra", il premio rivolto a giornalisti e fotografi che con il loro lavoro sono chiamati a sensibilizzare l’opinione pubblica alla tutela del Pianeta.

"Ci sono due piccoli passaggi - spiega Morcellini - che il giornalismo italiano fatica molto a fare. Il primo è di non accontentarsi di una visione luttuosa ed emergenziale dell'ambiente, l'autunno della comunicazione, l'autunno dei disastri; invece su questo il giornalismo italiano troppo spesso indulge a parità di condizioni alla narrazione che sconvolge la nostra pancia e il nostro stomaco, ma non è questo che può cambiare la cultura ambientale.

Ecco che il secondo passaggio è quello di avere cura dell'ambiente, non dei disastri ambientali, tanto quelli si impongono da soli. Quello che manca in questo paese è che qualcuno diventi mediatore dei cambiamenti quotidiani indispensabili per far pace con il nostro ambiente. Da questo punto di vista i giornali più che darci notizie, le devono seguire nel tempo, devono passare dalla narrazione alla spiegazione, se non faranno questo, non meriteranno il nome dei giornali."

 

Per fare questo appare necessario cambiare i destinatari della comunicazione

"Ci sono soggetti - continua Morcellini -  più disponibili a incassare messaggi, che cambiano le idee e quindi prima o poi cambiano i comportamenti; parlo delle donne che sono, bizzarramente per alcuni, invece per noi molto prevedibilmente, leader di conoscenza. Sempre più, le donne corrono veloci in tutte dimensioni e carriere cognitive, studi universitari, master, dottorati, settori scientifici come la medicina e le scienze sociali, le donne sono in testa.

Il secondo target è costituito dai giovani, soprattutto universitari e laureati, terzo le famiglie giovani con figli: sono i tre soggetti, naturalmente alleati di un progetto di cambiamento consapevole."