Gabriele Renzi

Gabriele Renzi

Lo sciame sismico che dallo scorso 24 agosto sta squassando il Centro Italia non accenna a fermarsi. Secondo un recente rapporto della protezione civile finora i danni provocati dall’intera sequenza sismica, tra edifici pubblici, privati, infrastrutture e molti altri aspetti ammontano a circa 23 miliardi e 530 milioni di euro.
Intervenendo su “A Conti Fatti”, Bruno Bucciarelli, presidente di Confindustria Marche, fa il punto della situazione per quanto riguarda il tessuto produttivo.

A volte la natura, il caso, ma più spesso l'uomo, rompono l’equilibrio degli ecosistemi introducendovi delle specie estranee, delle "specie aliene".
 Recentemente l'ISPRA, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, ha lanciato l'allarme per il territorio italiano, su cui sono state censite ben 3.000 specie aliene, dai pappagalli sudamericani nei cieli di Roma ai gamberi della Louisiana che infestano laghi e fiumi. Per sensibilizzare istituzioni, politici, addetti ai lavori e soprattutto cittadini, è partita una campagna europea denominata Life - Asap, perché, come indica l'acronimo, occorre intervenire "il più presto possibile".

Papa Francesco nella Laudato Si’ ha auspicato la transizione da fonti energetiche fossili a fonti rinnovabili: “È diventato urgente e impellente lo sviluppo di politiche affinché nei prossimi anni l’emissione di anidride carbonica e di altri gas altamente inquinanti si riduca drasticamente, ad esempio, sostituendo i combustibili fossili e sviluppando fonti di energia rinnovabile.”

Le rinnovabili sono il futuro dell’energia e ormai tutti i paesi del mondo vi stanno investendo, anche se non sempre al ritmo che sarebbe necessario per garantire da una parte l’approvvigionamento energetico e dall’altra il contenimento delle emissioni globali di Co2.
Su “A Conti Fatti” interviene Giovanni Battista Zorzoli, presidente del Coordinamento Free che riunisce enti e associazioni con lo scopo di promuovere lo sviluppo delle rinnovabili e dell’efficienza energetica nel nostro Paese.

Sul fronte dell’assistenza alle fasce più deboli della popolazione il mondo cattolico è da sempre molto presente e tante sono le congregazioni che nel loro carisma presentano questa vocazione .
Non sempre, tuttavia, le strutture cattoliche hanno forze e capacità sufficienti per svolgere a pieno il proprio servizio.

 

Secondo le statistiche dopo il Giappone l’Italia è il paese più anziano del mondo.
L’età media della popolazione del nostro Paese si sta alzando progressivamente, da una parte grazie all’allungamento della vita e dall’altra a causa del drastico calo delle nascite.
Questa situazione apre nuove questioni legate al funzionamento del welfare italiano e alla qualità di vita delle persone anziane.

Secondo l’Istat, dati 2014, sono 6 milioni e 788mila le donne che hanno subìto nel  corso della  propria  vita  una  qualche  forma  di  violenza  fisica  o  sessuale, parliamo del 31,5%  delle  donne di età compresa tra  i  16  e  i  70  anni.

L’indice di disparità di genere del World Economic Forum colloca l'Italia al 50mo posto su 144 paesi analizzati. L’indice prende in considerazione i risultati relativi a quattro indicatori, la salute, l’istruzione, la presenza politica e la partecipazione socio economica.
Per quanto riguarda la partecipazione economica l’Italia occupa la 117esima posizione grazie all’89esima posizione per tasso di occupazione delle donne e alla 127esima per uguaglianza salariale.

Secondo il XVII rapporto Ecosistema Scuola di Legambiente meno del 13% delle scuole italiane è costruito secondo criteri antisismici e solo una scuola su due ha certificati di collaudo e idoneità statica.
Come stanno le scuole italiane? Quali sono i fondi e gli strumenti di governance a disposizione degli enti locali per conservare un patrimonio che in diversi casi avrebbe bisogno di una ristrutturazione?

Lo scorso 22-23 novembre Ministero dell’Ambiente e Miur hanno coordinato gli Stati Generali dell’educazione ambientale invitando il mondo dell’istruzione, della ricerca e la società civile e confrontarsi sui temi dell’educazione allo sviluppo sostenibile.
L’associazione Earth Day Italia ha coordinato il tavolo di lavoro dedicato alla società civile, chiamata a supportare il mondo della scuola con idee e proposte didattiche innovative.
Roberta Cafarotti, direttore scientifico di Earth Day Italia, ne ha parlato intervenendo su “A Conti Fatti”, trasmissione a cura di economiacristiana.it trasmessa da Radio Vaticana Italia.

Informazioni aggiuntive