Società

Società (171)

Il lavoro nobilita e rende la dignità a chi ha attraversato momenti difficili della vita. Questa semplice verità viene spesso dimenticata da chi dà per scontato il poter svolgere un lavoro e trarre da questo i mezzi per il benessere personale. Se il diritto al lavoro è un valore acquisito per i cittadini di uno stato moderno, tanto che la disoccupazione è un indicatore inesorabile del benessere di un paese, gli immigrati, e ancor più i clandestini, i rifugiati, i richiedenti asilo, devono lottare molto di più per affermare il diritto ad un lavoro dignitoso, che pure è sancito anche per loro dalla Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo. Una storia esemplare di quanto il lavoro può significare nella vita di un giovane profugo che arriva in occidente è la testimonianza di Reza Hussiani, fuggito da bambino dall'Afghanistan dei talebani, ed oggi, a 25 anni, titolare di una sartoria a Roma.

In una recente puntata di “A conti fatti”, rubrica radiofonica di Economia Cristiana.it, trasmessa da Radio Vaticana Italia, abbiamo raccolto l'allarme del presidente dell'Associazione Romeni in Italia sulle condizioni dei suoi connazionali nelle campagne del sud: costretti a lavorare e vivere in condizioni disumane e, nel caso di molte donne, sottoposti a molestie e vere e proprie violenze sessuali. Per approfondire l'argomento e dare la dimensione del fenomeno dello sfruttamento della manodopera agricola, non solo straniera, abbiamo intervistato Giorgia Ceccarelli, responsabile delle politiche per la sicurezza alimentare dell'associazione OXFAM Italia; autrice di un eloquente studio intitolato "Sfruttati. Povertà e disuguaglianza nelle filiere agricole in Italia".

Il consorzio AlmaLaurea ha da poco pubblicato il rapporto annuale che analizza i percorsi degli studenti italiani, dall'iscrizione al conseguimento della laurea o all'abbandono degli studi, e per i primi anni nel mondo del lavoro. I dati sono in generale confortanti: migliora la regolarità degli studi e diminuisce l'età media in cui gli studenti conseguono il titolo accademico; e aumentano i tassi di impiego dopo uno e cinque anni dalla laurea. Negli ultimi tre anni sono in aumento anche le iscrizioni, sebbene il nuovo millennio, nel complesso faccia ancora segnare un forte calo delle matricole rispetto ai decenni precedenti, soprattutto nel sud del paese. Altri dati sono meno buoni: ad esempio diminuiscono i neolaureati che ottengono un contratto a tempo indeterminato, mentre aumentano le forme contrattuali più precarie. 
Per approfondire tutto ciò “A conti fatti”, rubrica radiofonica di EconomiaCristiana.it trasmessa da Radio Vaticana Italia, ha intervistato Ivano Dionigi, presidente del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea.

Paesaggi belli e variegati, buon cibo e un patrimonio artistico che non ha eguali al mondo costituiscono i pilastri su cui si basa l’offerta turistica italiana, per un comparto tra i più importanti per l’economia del nostro paese, in grado di generare secondo gli ultimi dati Iriss-Cnr valore aggiunto per oltre 100 miliardi di euro.

Il presidente di Federturismo, Gianfranco Battisti, interviene all'interno di "A Conti Fatti", trasmissione a cura di Economia Cristiana trasmessa da Radio Vaticana Italia, per fare il punto sulla stagione turistica ormai alle porte.

Circa un mese fa la Basilica di San Giovanni a Roma è stata teatro della 27a Festa dei Popoli, promossa dall’Ufficio Migrantes della diocesi di Roma e dalla Caritas di Roma. La festa è stata anche occasione di riflessione sul diritto all'accoglienza e all'integrazione. Il convegno a margine della celebrazione ha permesso a diversi rappresentanti di comunità straniere in Italia di confrontarsi ed esprimersi. In Italia risiedono circa 5 milioni di stranieri. Circa un milione e 300 mila di loro sono in Italia da oltre 10 anni e 600 mila sono nati in questo paese. 

La comunità straniera più numerosa in assoluto in territorio italiano è quella dei romeni, la cui immigrazione ha conosciuto un boom dagli anni '90, con la fine della dittatura, e poi dal 2007 con l'entrata della Romania nell'Unione Europea. L'ultimo censimento ha contato oltre un milione di romeni residenti in Italia. Uno degli interventi più delicati al convegno “La Chiesa in ascolto”, durante la Festa dei Popoli svoltasi a Roma alcune settimane fa, è stato quello di Eugen Terteleac, presidente dell'Associazione dei Romeni in Italia, che ha evidenziato elementi di criticità nella convivenza tra italiani e romeni. I tasti più dolenti, per la comunità romena italiana riguardano lo sfruttamento dei braccianti agricoli e la disciplina della tutela familiare nei confronti delle comunità nomadi.

"L’iniquità è la radice dei mali sociali”, ci ricorda Papa Francesco nella Evangelii Gaudium. I temi della distribuzione della ricchezza e dell’accesso al cibo e alle risorse naturali costituiscono oggi delle ferite profonde delle lacerazioni che segnano un distanza sempre più marcata tra chi ha troppo e chi ha troppo poco.

Gran parte delle fortune dello sport italiano, soprattutto a livello olimpico, sono dovute ai gruppi sportivi dei corpi militari e delle forze dell’ordine. Basti ricordare campioni come Alberto Tomba, carabiniere, Valentina Vezzali, che milita nella Polizia di Stato, e Antonio Rossi, il canoista plurimedagliato della Guardia di Finanza.
Ne abbiamo parlato con Fabio Pichi, Commissario Capo e responsabile delle Fiamme Azzurre: il gruppo sportivo del Corpo di Polizia Penitenziaria, che oggi annovera campioni del calibro di Aldo Montano, Giusy Versace e Clemente Russo. L’intervista è andata in onda in “A conti fatti”, rubrica radiofonica di EconomiaCristiana.it, trasmessa da Radio Vaticana Italia 105.0.

Secondo i dati dell’Associazione italiana registri tumorali, nel nostro paese ogni giorno vengono diagnosticati circa 1.000 nuovi casi di cancro.
Grazie alla continua attività di ricerca di nuove terapie da una parte, e dall’altra alla diffusione di programmi di screening che consentono di individuare la malattia in uno stadio iniziale, negli ultimi anni sono complessivamente migliorate le percentuali di guarigione.

Domenica 27 Maggio ricorrerà la diciassettesima Giornata Nazionale del Sollievo, iniziativa nata per promuovere e sostenere la cultura del sollievo dal dolore e dalla sofferenza per chi sta affrontando la fase finale della propria vita. A promuovere la giornata il Ministero della Salute, la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e la Fondazione Nazionale Gigi Ghirotti, realtà il cui obiettivo principale è migliorare la qualità della vita delle persona malate di tumore e dei loro familiari. Abbiamo incontrato il responsabile scientifico della Fondazione, Vito Ferri, è stato intervistato nella trasmissione “A conti fatti”, rubrica radiofonica di EconomiaCristiana.it trasmessa da Radio Vaticana Italia.

Pagina 1 di 13

Informazioni aggiuntive