Parte Scholas Lab, laboratorio di Startup a favore dell’integrazione scolastica

Scritto da   Domenica, 22 Febbraio 2015 16:00 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

Monsignor Marcelo Sánchez Sorondo, Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze, è intervenuto su A Conti Fatti, trasmissione a cura di Economiacristiana.it trasmessa dalle frequenze di Radio Vaticana Italia.

 

Monsignore Sorondo, partiamo dall’inizio: cos’è Scholas lab e quali obiettivi si prefigge?
Questo progetto è inserito all’interno di Scholas Occurrentibus, una rete di scuole che si prefigge l’obiettivo molto semplice e molto importante, come dice il Santo Padre, che non ci siano ragazzi e ragazze senza una educazione. Un educazione al mondo globale che spieghi quali siano i pericoli, ma anche le possibilità, le opportunità che l’educazione può offrire. Una rete, adeguata, quindi, da una parte al mondo globale e dall'altra parte alla proprie radici culturali. 
 
Per quale motivo un organo pastorale si dedica al mondo delle start up digitali?
Scholas Lab ha deciso di appoggiarsi e di collaborare con la Pontificia Accademia della Scienza. Il progetto ha infatti una base scientifica, una equipe, che collabora con gli educatori della’Accademia. 
 
Ci sono già dei progetti attivi o comunque d’immediata partenza?
Il progetto più notevole è quello del Mozambico: ad una scuola di mille studenti è stata fornita tutta una strumentazione moderna, compresa di computer e internet. Questa scuola a sua volta è in contatto con altri 5mila studenti. Quindi sono mille studenti solo di questa scuola e ce ne sono altrettanti che possono usufruire di queste nuove tecnologie. Tecnologie che fungono da base educativa. 
 
Che ruolo gioca l'educazione per il Santo Padre?
Come per tutti i Papi, l'educazione è centrale perché come sappiamo Cristo ha dato il mandato agli apostoli di andate e predicate, di andare ed educare. La Chiesa è stata madre delle università, madre delle scuole. Quindi per il Santo Padre l’educazione è fondamentale, già quando era Vescovo, già quando era provinciale dei Gesuiti fondando appunto Scholas Occcurentes. Adesso come Papa vuole estendere questi progetti a livello universale, utilizzando anche queste reti. 
Letto 1621 volte

Informazioni aggiuntive