Cibi d’estate: frutta e pesce, ma occhio alla sicurezza

Scritto da   Domenica, 11 Agosto 2013 16:00 dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font Stampa Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

Siamo in agosto caldo torrido tanto, tanto mare e molto spesso la sera si va al ristorante. Bello, si mangia fuori, ma ci sono anche dei rischi. Consigli e qualcosa da puntualizzare su quello che è l'alimentazione estiva degli italiani.

Ne abbiamo parlato con Francesco Apreda chef stellato dell'Imago Roof Restorant del Hassler a Roma.

Possiamo dare qualche consiglio per una cucina estiva?
Una cucina molto fresca, molto mediterranea con tanta verdura non troppo cotta, cotture brevi, croccanti in modo che le verdure rimangano tutte belle acquose.
Tanta pasta condita a freddo senza troppi sughi, perché sono pesanti. Tanto pesce dei nostri mari, parliamo di pesce azzurro, tipo sciabole, poi ci vogliono anche un po' di molluschi, consiglio vongole e cozze e poi sicuramente tanta frutta di stagione, cocomero, pesche, fragole e ciliege.
 

Parlando di pesce, molto spesso siamo tentati dal pesce crudo. Meglio stare attenti?
Bisogna fare tanta attenzione; purtroppo ci sono dei batteri molto pericolosi quindi bisogna accertarsi che nei ristoranti il pesce servito crudo venga abbattuto. Adesso bisogna abbatterlo per legge perché bisogna evitare l'anisakis, un batterio presente soprattutto nel pesce azzurro. Bisogna conoscere il ristorante per essere sicuriche il pesce viene abbattuto almeno per 24 ore a meno 20 gradi, perché questo batterio viene ucciso a temperature alte, 60 gradi, o basse a meno 20 gradi. Bisogna accertarsi di quello che si mangia e fare molta attenzione.
 

Che tipo di clientela hanno ad agosto ristoranti come il vostro?
Tanti turisti che amano visitare Roma in questi periodi molto caldi, persone che amano passeggiare per questa Roma con pochi romani. Abbiamo turisti da tutte le parti del mondo, tanti giapponesi, tanti nord europei, molti americani e sud americani dal Brasile, dall'Argentina anche grazie al Papa.


Chiudiamo con un menù ferragostano...
Io farei una bella insalata di pomodori con tanto basilico e cipolla fresca e, perché no, accompagnata da una bella mozzarella di bufala rigorosamente a temperatura ambiente, non troppo fredda perché si rovina la tessitura della mozzarella. Poi una bella pasta condita a freddo, magari si fanno delle verdure saltate a parte come friggitelli, zucchine, melanzane e condite la pasta, non con sughi bolliti che possono essere pesanti, con un bel filo di olio extravergine e tanto basilico e tanta menta, quindi verdure che possono rinfrescare.
Anche uno spaghetto alle vongole, vista la bella stagione delle vongole veraci. Quindi un po' di peperoncino, un po' di aglio molto semplice uno spaghetto lasciato un po' scivoloso con un po' di acqua di vongole che da quella sensazione di fresco.
Come secondo sicuramente d'estate mi piace molto mangiare grigliate. Quindi fare una bella grigliata di sciabola, gamberi rossi, con una bella insalatina condita con aceto balsamico. Per finire come dicevo prima ci vuole della frutta. Io d'estate mi faccio la mia bella pesca saturnina affogata al moscato con un bel gelato alla vaniglia. Anche gelati di frutta.

Letto 1194 volte

Informazioni aggiuntive