Domenica 25 novembre è ricorsa la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, istituita nel 1999 dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite con l’obiettivo di portare attenzione su una delle peggiori forme di inciviltà umana.
Secondo gli ultimi dati Eures nei primi dieci mesi di quest’anno in Italia le vittime di femminicidio sono state 106, una ogni 72 ore, ma il femminicidio è la punta dell’iceberg di un problema molto più esteso, sono infatti centinaia di migliaia le donne attualmente vittime di qualche forma di violenza, milioni quelle che l’hanno subita almeno una volta nella vita.

Pubblicato in Società

Il 25 novembre scorso, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, Earth Day italia ha lanciato una campagna di sensibilizzazione sul tema.

Pubblicato in Società
Martedì, 27 Novembre 2018 19:00

Puntata del 27/11/2018

Nella puntata di "A Conti Fatti" del 27 novembre si parla di violenza di genere.

Intervengono:

  • Antonella Veltri, vicepresidente D.i.Re. Donne in Rete contro la violenza

  • Mario De Maglie, psicologo, Centro di ascolto uomini maltrattanti di Firenze

  • Giulia Morello, direttore artistico Earth Day Italia 

Pubblicato in A conti fatti

Rispetto dell'ambiente; politiche sostenibili; tecnologie green; prodotti ecologici. Nell'immaginare un pianeta e una società umana meno inquinati, spesso dimentichiamo il ruolo chiave dell'economia.

Pubblicato in Economia

Sul fronte del cosiddetto gender salary gap, ossia la differenza retributiva che, a parità di mansioni, esiste tra uomo e donna il nostro paese ha fatto molti passi avanti e anche l’occupazione femminile sta dando segnali incoraggianti, ma sono ancora molte le donne di fatto costrette a scegliere tra lavoro e famiglia.
Interviene su “A Conti Fatti”, rubrica a cura di Economia Cristiana trasmessa da Radio Vaticana Italia, Liliana Ocmin responsabile Donne, Immigrati, Giovani della Cisl.

Pubblicato in Economia

Raggiungere l'uguaglianza di genere e aumentare forza, autostima e consapevolezza di tutte le donne e le ragazze.
Recita così il quinto dei 17 obiettivi di Sviluppo Sostenibile che le nazioni unite si sono proposte di raggiungere entro il 2030.
Sono ancora moltissime le donne che in diverse aree del modo vivono in una condizione di sottomissione rispetto all’uomo di fatto ancora istituzionalizzata.

Pubblicato in Società

Torniamo a prendere spunto dalla Festa dei Popoli che si è svolta lo scorso 21 maggio a Roma per approfondire alcuni aspetti di un tema controverso: l'accoglienza dei migranti. Durante la manifestazione di piazza San Giovanni, che ha fatto incontrare in un clima di festa, migliaia di persone appartenenti alle comunità straniere residenti nella capitale, c'è stato spazio per un momento di riflessione. Donne di diversa estrazione e provenienza geografica hanno dato vita al forum “Comunità migranti, Chiesa e Città di Roma: donne in dialogo per l’integrazione tra i popoli”. Il dibattito è stato introdotto da Francesca De Martino, addetta dell'Ufficio per la Pastorale delle Migrazioni della Diocesi di Roma. 

Pubblicato in Intercultura

L’amore per il creato accomuna tutte le fedi e le confessioni religiose e parlando di dialogo interreligioso è inevitabile affrontare l’argomento ambiente. Su” A Conti Fatti” se ne è parlato con  con Franca Coen, presidente della comunità ebraica riformata Beth Hillel e coordinatrice del gruppo ‘Donne in dialogo’ di Religions for Peace.

Pubblicato in Chiesa

Secondo l’Istat, dati 2014, sono 6 milioni e 788mila le donne che hanno subìto nel  corso della  propria  vita  una  qualche  forma  di  violenza  fisica  o  sessuale, parliamo del 31,5%  delle  donne di età compresa tra  i  16  e  i  70  anni.

Pubblicato in Società

L’indice di disparità di genere del World Economic Forum colloca l'Italia al 50mo posto su 144 paesi analizzati. L’indice prende in considerazione i risultati relativi a quattro indicatori, la salute, l’istruzione, la presenza politica e la partecipazione socio economica.
Per quanto riguarda la partecipazione economica l’Italia occupa la 117esima posizione grazie all’89esima posizione per tasso di occupazione delle donne e alla 127esima per uguaglianza salariale.

Pubblicato in Economia
Pagina 1 di 2

Informazioni aggiuntive